• Edizione di lunedì, 28 Novembre, 2022

Prima gioia Foligno… affondato il Muravera (1-0); inizia la risalita?

MC
Novembre07/ 2016

Dopo un attesa lunga due mesi il Foligno riesce a centrare la prima vittoria in campionato; solo applausi per questo gruppo di ragazzi.

 

Qualcuno ieri, nel post partita, si domandava cosa fosse cambiato con l’avvento sulla panchina biancoazzurra del nuovo mister Palazzi; e sempre qualcuno rispondeva una maggiore propensione offensiva della squadra. Analizzando il match i fattori che hanno consentito ai falchi di lasciare l’ultimo posizione in classifica ci risultano essere i seguenti:

  • E’ sicuramente cambiata la qualità degli avversari che il Foligno ha incontrato e incontrerà nelle prossime domeniche: da agosto, mese di uscita dei calendari, era risaputo che la seconda parte del calendario fosse nettamente più agevole della prima (questo nonostante l’imbarazzante generale livello tecnico del girone); da qui a Natale il Foligno incontrerà Torres, San Teodoro, Città di Castello, Latte Dolce, Trestina, Montirosi (questa si terribile), Sansepolcro ovvero tutte squadre ampiamente alla portata.
  • Mario Palazzi, tecnico esperto e molto preparato, ha subito individuato i limiti dei suoi giocatori: non ci ha pensato due volte a infoltire il centrocampo utilizzando una sola punta centrale di ruolo. Ne è scaturita una maggiore compattezza della squadra che nulla ha concesso (se non un paio di tiri da fuori) ai rivali sardi. Nel mezzo una giocata del solito Merkaj bravo a fornire un assist d’oro al giovanissimo Mancinelli che ha capitalizzato per la prima vittoria in campionato.

Dunque una ruota che sembra finalmente aver girato anche e soprattutto negli episodi; il Muravera nel secondo tempo con un gran tiro dai 30 metri ha fatto tremare la traversa; in altri tempi la palla si sarebbe insaccata sotto il sette.

Poche sbavature difensive, una grande concentrazione nell’arco dei novanta minuti e la concretezza delle occasioni create (da segnalare anche una traversa di Merkaj sul finire del match); Palazzi dovrà continuare su questa strada per mettere più fieno in cascina possibile da qui fino alla riapertura del mercato.

Ci piace infine sottolineare il grande spirito di gruppo che anima questi ragazzi che indossano la nostra maglia come dimostrano i calorosi festeggiamenti sotto la tribuna del Blasone insieme ai propri tifosi (tra i quali era presente anche l’ex allenatore Guazzolini). Uno spirito di gruppo che a “brevissimo termine” (come dichiarato dal presidente Ius in conferenza stampa) dovrà essere remunerato con gli accordi presi al momento dei tesseramenti, una condizione necessaria per dare un segnale oggettivo di solidità, stabilità e prospettiva futura di questa società.

FOLIGNO – MURAVERA 1-0
CITTÀ DI FOLIGNO (4-4-1-1): Stoppini; Calzola, Adamo, Seye Mame, Pilleri; Mancinelli, Giambi (31’ st Felleca), Catanese, Merkaj; F. Fondi (18’ st Silvestri); Barwuah (11’ st Urbanelli).
A disp.: Piccheri, Bagnetti, Orecchiuto, J. Diomande, G. Fondi, Iuculano.
All.: Palazzi (squalificato, in panchina Marini).
MURAVERA (4-4-2): Arrus; Madeddu, Bruno, Chessa, Falchi; Illario, Sogus, Satta (13’ st Cotza), Achenza (37’ st Monni); Dessena (36’ st Usai), Nurchi.
A disp.: Chinga, Farris, Massessi, Zugliani, Onano, Concas.
All.: Piras.
ARBITRO: Bracaccini di Macerata (Assistenti: Ciancaglini di Vasto – Alessi di Teramo).
MARCATORI: 39’ pt Mancinelli (F)
NOTE: spettatori 150 circa. Ammoniti: Satta (M), Bruno (M), Silvestri (F), Achenza (M), Pilleri (F). Angoli: 3-3. Recupero 0’ pt e 3’ st.

MC