• Edizione di giovedì, 13 Agosto, 2020

Truffe ad aziende gualdesi, denunciato finto commerciante

eris
Aprile30/ 2016

Sembra proprio che le truffe siano per ora il mezzo più redditizio per monetizzare.

I Carabinieri della Stazione di Gualdo Tadino, a seguito di denunce presentate da imprenditori del posto, hanno attivato una serie di indagini che in poco tempo hanno permesso di stroncare un’attività criminale che da qualche giorno si stava insediando nel territorio con un modus operandi truffaldino. Proprio nella città della ceramica, un fantomatico commerciante di ceramica in stock, da qualche giorno si stava aggirando nel territorio gualdese lungo la zona artigianale sud per cercare, a suo dire, materiale e macchinari invenduti ed in disuso da acquistare.

Con alcuni imprenditori riusciva, abilmente e mediante artifizi e raggiri, a concordare acquisti di diversi materiali che poi, ovviamente, non pagava. Con altri imprenditori, invece, più scaltri, non riusciva nell’intento. Per far ciò, prima di far perdere le sue tracce noleggiava un autocarro che utilizzava per caricare la ceramica ed alcuni macchinari utilizzati per la cottura e la lavorazione della stessa. Abile nell’entrare in confidenza con alcuni piccoli imprenditori è riuscito a sottrarre merce e materiali per un valore dichiarato di circa 15.000 euro, pagati in parte con assegni risultati essere collegati a conti correnti chiusi.

Grazie alla preziosa azione dei militari della locale Stazione Carabinieri l’uomo, a seguito di informazioni raccolte dai malcapitati e da ulteriori riscontri investigativi, è stato identificato dai militari e denunciato per truffa all’autorità giudiziaria. Si tratta di un siciliano di 50 anni, gravato da precedenti specifici. Le indagini proseguono per tentare di recuperare ed eventualmente restituire il materiale sottratto. 

eris